• Mar. Mag 28th, 2024

La storia di “Mandorlo in fiore” di Vincent Van Gogh

DiRedazione

Nov 22, 2021
vincent van gogh

Se immaginiamo la primavera, quasi sicuramente ci viene in mente il dipinto “Mandorlo in fiore” di Vincent Van Gogh. Era un dipinto bellissimo fatto di rami ramificati con magnifici fiori bianchi che sbattono su un cielo blu. Vincent Van Gogh dipinse il quadro nel 1890 a febbraio, mentre si trovava a Saint-Rémy.

Nuova vita di Vincent Van Gogh

Van Gogh amava gli alberi in fiore. Negli anni 1888 e 1890, mentre era ad Arles e Saint-Rémy, dipinse molte volte fiori di mandorlo, sia sotto forma di piccoli ramoscelli in bicchieri che vistosi frutteti. Le piante iniziano a fiorire all’inizio della primavera e sono quindi considerati un simbolo di nuova vita. Questa interpretazione del soggetto si addiceva perfettamente a Van Gogh, che decise nel 1890 di dipingere “Mandorlo in fiore” come regalo per il nipote appena nato, il figlio di Theo e Johanna, che prendeva il nome dallo zio Vincent.

Van Gogh ha iniziato a lavorare al dipinto a febbraio, subito dopo la notizia della nascita. In una lettera del 19 febbraio 1890, scrisse a sua madre che stava lavorando su una nuova tela giorno e notte, il che lo rese incapace di scriverle prima. A quel tempo, era in un ospedale psichiatrico a Saint-Rémy. Il “Mandorlo in fiore” sembrava portare “nuova vita” anche alla sua opera: è stato il primo dipinto che ha realizzato dopo settimane di pausa causate da una malattia.

L’artista era molto soddisfatto dei risultati del suo lavoro. Il 17 marzo 1890 scrisse al fratello Theo: “Il lavoro mi è andato bene. L’ultima tela, rami fioriti, vedrai che probabilmente è stata la cosa migliore che ho fatto, dipinta con grande calma, pazienza, mano ferma”. Sfortunatamente, subito dopo aver completato il lavoro, Van Gogh ebbe il successivo attacco più lungo, della durata di due mesi. Quando tornò in sé in aprile, si rammaricò che il periodo di fioritura degli alberi fosse terminato e non avrebbe potuto svolgere ulteriori lavori su questo argomento.

Un regalo impagabile

Il dono pittorico arrivò a Parigi nel maggio 1890. Theo e Johanna adoravano il dipinto. Così, Theo scrisse nelle lettere al fratello che “Mandorlo in fiore” era davvero bello e interessava anche il piccolo Vincent. Inizialmente, l’opera adornava il loro soggiorno, ma dopo la morte di Theo, fu appeso nella camera da letto di Johanna e Vincent nella loro nuova casa a Bussum, nei Paesi Bassi. Dopo la morte di Vincent, Johanna ereditò tutti i suoi dipinti. Ne vendette alcuni, ma il mandorlo in fiore non lasciò mai la famiglia. Il nipote ed erede delle opere di van Gogh, Vincent Willem, negli anni ’60 vendette (con l’aiuto del governo) le opere della Fondazione Vincent Van Gogh. Le diede in deposito permanente al Van Gogh Museum, che iniziò la sua attività nel 1973.

Ispirazioni giapponesi

Il soggiorno di Vincent Van Gogh a St. Paul a Saint-Rémy fu segnato da una grande sofferenza, ma anche, paradossalmente, da una straordinaria passione per il creato. Dal maggio 1889 al maggio 1890, l’artista dipinse oltre 150 opere e realizzò 100 disegni. Tra opere espressive ed energiche, in termini di colori e trame, “Mandorlo in fiore” sembra molto calmo, pieno di pace e speranza. In effetti, le informazioni sulla nascita di suo nipote riempirono il pittore di felicità, che seppe esprimere in modo unico sulla tela.

I rami di un albero in fiore sono visti da vicino, dal basso, dalla prospettiva di chi ammira il mandorlo sdraiato con noncuranza sull’erba. Van Gogh ha preso in prestito questo scatto dalle stampe giapponesi che possedeva e di cui era un grande fan. Le ispirazioni dell’arte giapponese rivelano anche un chiaro contorno del disegno, posizionando l’albero su un piano, lo sfondo uniforme del cielo e il tema “fiorito” dell’opera. Certamente, questa è una delle opere più belle di van Gogh. È difficile credere che solo pochi mesi dopo aver dipinto l’opera, l’artista si sia tolto la vita.

Redazione
artigianrik.it è un blog di informazioni di ambiente, natura, cultura, tecnologia & web, salute, turismo, food e news. Cerchiamo di offrire i migliori consigli ai nostri utenti e rendere la nostra passione, per la notizia e la scrittura, un qualcosa da poter condividere con tutti. Puoi contattarci tramite E-mail a: onlyredazione[@]gmail.com